martedì 29 gennaio 2013

Cappello

Avevo voglia di fare un cappello, poi non so chi lo indosserà, ma anche per non perdere la manualità.
Quindi prendo 100 gr. di lana Bergschaf, la posiziono incrociata (nel verso della trama)sul
modello che ho disegnato sul telo a bolle, seguendo i contorni dello stampo che mi sono ritagliata con del materiale per isolare.
Acqua e sapone per preinfeltrire,posiziono lo stampo al centro del prefeltro  e metto l'altra metà della lana sempre incrociata,formando una specie di fodera (con l'apertura alla base) allo stampo.
 Preinfeltrisco  il secondo lato,poi passo all'infeltrimento ed il risultato è questo...
Scusate se non vi mostro i passaggi elencati,ma un po' avevo le mani insaponate,un po' (come si sarà notato)sono principiante di Blogg(pian piano migliorerò).

Continuo ad infeltrire finchè raggiungo la misura che mi stà sulla forma.
Risciacquo diverse volte,per pulire bene dal sapone,lo metto sulla forma e lascio asciugare.
Una volta asciutto viene abbellito usando l'ago per feltro.

 

20 commenti:

  1. E' bellissimo! Ti invidio un po' perchè l'unica mia esperienza con il feltro è un paio di pantofole che ho realizzato durante un corso dove io ero la peggiore allieva. O ci mettevo poca forza, o insaponavo poco, insomma non andava mai bene niente all'insegnante. Le pantofole le indosso ancora adesso ma quello è rimasto il mio unico esperimento. Il tuo cappello mi piace moltissimo.

    RispondiElimina
  2. Grazie,detto da te che hai buon gusto e crei dei bei-fantasiosi lavori, mi gratifica.

    RispondiElimina
  3. Bel cappello! come anche gli altri che hai fatto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, si qualcuno mi è' riuscito bene,ma i primi sono molto pastrocci.

      Elimina
  4. Ti scrivo qui perchè è l'ultimo post che hai fatto : leggendo i tuoi commenti su un blog mi sono detta 'non condivido quello che dice , ma chi è che scrive queste cose?Non mi piace niente di quello che piace a questa blogger .' Così per curiosità sono passata di qui e ho scoperto che in realtà sei proprio brava ,sai fare cose molto belle ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luisa per l'apprezzamento ai miei lavori,riguardo ai commenti non so' a quali ti riferisci,se ti va' fammi sapere forse ci può essere un chiarimento.Non pretendo di essere condivisa, se qualcuno ha delle critiche le accetto:se vuoi continuare a seguirmi e commentarmi mi fa' piacere.

      Elimina
  5. La tua risposta mi ha fatto capire che sei una persona 'in gamba', per niente presuntuosa .Ti seguirò , mi piacciono le persone aperte al confronto , ho fatto bene a non basarmi sulla prima apparenza (anche nella vita di tutti i giorni l'impatto a pelle può essere smentito ).Buona giornata

    RispondiElimina
  6. Che bello il fiore ok ciao boo.

    RispondiElimina
  7. Ciao, ho scoperto ora il tuo blog e son rimasta piacevolmente stupita da questo bellissimo lavoro. Probabilmente non mi cimenterò mai in un lavoro così, ma posso chiederti una cosa per semplice curiosità? sei partita da un gomitolo di lana? o l' hai prima lavorato in qualche modo? grazie e complimenti. Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla,no, per fare il feltro non si usa lana filata,deve essere solo cardata...intendo: una volta tosata la pecora, si lava la lana e poi si carda(una specie di pettinatura, che si fa con delle spazzole apposite o con delle cardatrici a rullo).poi si usano questi strati di lana pettinata,appoggiandoli incrociati,in modo da formare la trama,si bagnano con acqua calda e sapone, prima si lavora molto delicatamente e poi ci vuole molto "olio di gomito".Spero di aver reso più o meno l'idea.Ciao

      Elimina
  8. Spero no sia complicato far cappelli vorrei tanto farne uno anchio.magari un giorno ti vedro in un video cosi mi renbo conto.ciao da duu.ciao a luu. E bii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è' complicato,però' vedere un mio video come tutorial per ora e' difficile.....mi piacerebbe, ma non ho dimestichezza in informatica.

      Elimina
  9. Che bello! Il fiore è delizioso.
    Scorrendo i tuoi post ho letto quello sulla tintura, anch'io faccio esperimenti con la lana, ma non sono ancora riuscita a trovare il legno di campeggio,tu dove te lo procuri?
    Ciao Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, io la polvere di campeggio, l'ho presa alla fiera Kreativ di Bolzano,nello stand "Associazione colore e tintura naturale E.Maria Salice.Ho visto che l'Associazione e' presente alla fiera Abilmente di Vicenza 7-13 marzo,nel padiglione B.

      Elimina
  10. All'ultima fiera di Bolzano non ho potuto andarci, avevo visto l'anno prima lo stand che dici tu, ma allora non ero ancora interessata a tingere la lana. Alla fiera di Vicenza molto probabilmente vado, la cercherò. Grazie mille per l'informazione.
    Buona domenica
    Paola

    RispondiElimina
  11. Ciao, ho scoperto il tuo blog dal Liebster Award di Strega Northia e mi piace molto, hai conquistato una nuova follower!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pe, hai anche tu una micetta nera?

      Elimina